Sguardo ultra-grandangolo sul mondo

Share this post

Intervista con Caroline Lohrmann di www.shavethewhales.net

Sguardo ultra-grandangolo sul mondo

La blogger di viaggi amburghese Caroline Lohrmann, di shavethewhales.net scrive con grande sensibilità delle proprie avventure intorno al globo. I suoi testi sono profondi ed offrono uno sguardo pieno di humour sui diversi paesi e culture stranieri. Le immagini testimoniate dai suoi occhi trasmettono stile e bellezza. Nel suo bagaglio non manca mai uno zoom Tamron 10-24 mm ultragrandangolare. A Carolina abbiamo chiesto che cosa ha imparato nei suoi viaggi sulla fotografia.

Da quanto hai il tuo blog di viaggi e come ci sei arrivata?

Caroline Lohrmann: Da due anni scarsi. Tutto è cominciato per un hobby mio privato. E poi ho iniziato semplicemente a divertirmi da matti, tanto da non voler più smettere.

Nel frattempo, quanti Paesi hai visitato?

Veramente non li ho mai contati, forse 50 ad occhio e croce. Non credo però che questo numero dimostri qualcosa, per me conta molto di più prendersi del tempo, per conoscere davvero un Paese.

Che ne pensi delle nuove mete di viaggio?

A volte mi basta vedere una bella immagine di un posto, poi vedo come arrivarci e, semplicemente, parto. A volte rimpiango di non aver pianificato per niente il mio viaggio, ma altre volte è proprio per questo che è stato così bello.

Il tramonto sulla collina del Likavitos ad Atene. Da qui si vede come l'Agropoli si stagli illuminandosi meravigliosa sul cielo della sera.

A volte mi basta vedere una bella immagine di un posto, poi vedo come arrivarci e, semplicemente, parto. A volte rimpiango di non aver pianificato per niente il mio viaggio, ma altre volte è proprio per questo che è stato così bello.

No, ci ho provato, ma trovo che, per vivere, la Germania sia il posto migliore.

Ultimamente dove sei stata?

Sul Mar Baltico. Da tempo immemore, finalmente di nuovo su una spiaggia tedesca. Sai, sto diventando sempre più amica delle spiagge tranquille, con poche persone, e questa era proprio quella giusta.

Oltre alle tue sagaci osservazioni, il tuo blog interessa anche per le fantastiche foto che fai. Che cosa è venuto prima - il tuo amore per i viaggi o quello per la fotografia?

L'amore per i viaggi. Più viaggiavo e più avevo il desiderio di catturare i tanti momenti e gli incontri speciali, per avere qualcosa che fosse proprio come un mio libro di storia personale. Ci sto lavorando da allopra e, ad ogni viaggio e ogni foto arrivo sempre più vicina al mio obiettivo.

Meteora, Grecia. Un affascinante paesaggio con dei conventi su gigantesche rocce a forma di torre, non ho mai visto niente del genere.
Un ponte nella foresta messicana vicino a Catemaco.

Quali sono i criteri con cui scegli le immagini per il tuo blog?

E' la risposta più comune che potrei darti, e cioè che la foto migliore è quella che sa raccontare una storia. Io la vedo diversamente. Per me una foto è bella, quando tocca chi la osserva, indipendentemente dal modo in cui ci riesce.

Quali pensi che siano i tuoi punti di forza quando fotografi?

Penso di cogliere molti dettagli. Questo nella vita reale spesso dà fastidio. Mi distraggo facilmente e spesso mi sorprendo seduta un'eternità ad osservare dei bombi o dei piccoli coleotteri. Mentre fotografo riesco a vivere appieno queste stranezze e sento come di avere il diritto di dedicarmi a cose apparentemente senza importanza.

Tu fotografi tra l'altro con un obbiettivo Tamron da 10-24 mm. In quali occasioni tu usi questo obbiettivo-zoom ultragrandangolo?

Soprattutto per riprendere i panorami. Proprio ciò che io fotografo con più frequenza.

Cosa rende per te quest obbiettivo così prezioso?

Il focale così corto dell'obbiettivo consente un angolo d'immagine molto grande. Questo consente molto più di avere la sensazione di stare proprio in mezzo all'immagine. Posso quindi cogliere contemporaneamente sia il cielo sopra di me e sia il mare ai miei piedi, questo rende molto meglio l'ampiezza di un paesaggio.

In uno dei minuscoli vicoli di Lisbona. Nel quartiere di Alfama, i vicoli formano un vero e proprio labirinto ed è un attimo trascorrerci una mezza giornata.

Ma il grandangolo estremo ti ha insegnato forse qulcosa sulla fotografia?

Sì, ma questo lo fa ogni foto, specialmente quelle che non vengono bene. Il mio sguardo si è inoltre adattato all'obbiettivo, da quando ce l'ho. Il mio occhio fotografico cerca proprio le cose che sono belle nell'ottica grandangolare.

Con treppiede o senza?

Non mi piace trascinare pesi e quindi neanche treppiedi. Quasi tutte le mie esposizioni lunghe sono nate stazionate su muri, scalini, la mia borsetta o altri punti d'appoggio adatti.

Dove ti porta il tuo prossimo viaggio e dove vorresti ancora andare ad ogni costo?

Non ho ancora programmato il mio prossimo viaggio, succede sempre in modo molto spontaneo. Ma vorrei ad ogni costo andare una volta in Giappone ...

Sull'autore: Caroline Lohrmann

Caroline Lohrmann (30), da Amburgo viaggia in tutto il mondo e poi scrive le sue personalissime storie sul suo blog Shavethewales.net Scrivendo dà preziosi consigli, allo stesso tempo è piena di humour e mostra una grande sensibilità per la fotografia e il design. Scatta le sue impressionanti fotografie di persone, paesaggi, animali e architettura con una Nikon D5100 – preferibilmente guarnita con il Tamron SP AF 10-24mm F/3.5-4.5 Di II LD Aspherical. Quando Caroline non si trova in viaggio proprio per il suo blog, in giro per il mondo, lavora da scienziata della comunicazione quale è come traduttrice e come guida per eventi automobilistici internazionali.

More about the author:

Articolo simile