la Wanderlust non mi lascerà mai

Share this post

la Wanderlust non mi lascerà mai

Anja Beckmann è stata in Sud Africa con l'obiettivo Megazoom 16-300 mm per il vostro blog di viaggio "Travel on Toast"

Il tuo blog di viaggio "Travel on Toast" è disponibile sin dalla fine del 2012. Quanti paesi ha visitato da allora?

Non so il numero esatto. Ma solo nello scorso anno, sono stata in 17 paesi.

Che cosa facevi prima di allora?

Provengo dal settore del giornalismo. Durante gli studi, lavoravo già per vari quotidiani. Dopo di ciò, feci servizio volontario PR e lavorai come funzionaria di stampa per diverse società.

I viaggi sono sempre stati la tua passione?

Sì. Nel 2007, mi sono presa una pausa dal lavoro e ho girato il mondo per un anno. Per la maggior parte viaggiavo da sola. Durante questo periodo, ho scritto un blog privato per amici e parenti. Successivamente, ho deciso che avrei continuato a scrivere dei miei viaggi perché la wanderlust albergava ancora in me.

Che cosa ti piace di più nei viaggi?

Il contrasto rispetto alla vita di tutti i giorni e alla Germania. Credo sia eccezionale essere qui a Colonia a lavorare. Tuttavia, mi piace andare in giro per il mondo: più lontana ed esotica è la destinazione, meglio è. È sempre entusiasmante vedere come vivono altri popoli. Toccare con mano altre culture, provare cibi insoliti e poi ovviamente esplorare strane ambientazioni naturali di flora e fauna: tutte cose che apprezzo moltissimo durante i viaggi.

Uno dei tuoi viaggi recenti è stato in Sud Africa. Che impressione hai avuto del paese e delle persone?

È stato molto diverso rispetto a quello che immaginavo. Mi sembrava di essere in Europa a volte, cosa naturalmente dovuta ai molti visitatori. Ciò che ho trovato eccezionale è stata quella luce luminosa. Principalmente perché stavo lasciando l'inverno tedesco per raggiungere l'estate africana - e assolutamente senza jet lag, dato che la differenza di fuso orario è di soltanto un'ora. Città del Capo è una metropoli fantastica. E ideale come base per bellissime escursioni. Ad esempio, ai pinguini di Boulders Beach o alla spiaggia di Muizenberg, dove ho fotografato capanni da spiaggia dai colori meravigliosi. Siamo stati anche sulla "Strada dei vini", dov'era possibile visitare diverse case vinicole e in un parco nazionale. Poi abbiamo visitato anche una città dove vivono i neri e siamo stati a Robben Island, dove fu imprigionato Nelson Mandela.

Quanto è importante per te registrare il tuo viaggio con le foto?

Molto importante. Almeno per me personalmente. Ho anche scattato molte fotografie del mio viaggio intorno al mondo. Rappresentano ricordi eccezionali che mi riportano alle esperienza fatte. Ovviamente, le immagini sono molto importanti per il mio blog. Pubblico sempre le immagini tramite Facebook, Twitter, Google+ o Instagram durante i viaggi e ricevo molti feedback positivi dai lettori. Le persone le trovano grandiose e hanno la sensazione di viaggiare con me.

Che cosa fotografi principalmente nei viaggi?

Scatto fotografie ovunque. Colori e schemi mi attraggono in un modo magico. Ad esempio, ci trovavamo in un mercato in cui giovani designer vendevano cose. Il colore era sorprendente. Poi, naturalmente, animali nella natura, quali pinguini e struzzi. E adoro le spiagge! In Sud Africa, c'è una spiaggia nel West Coast National Park che assomiglia a quelle caraibiche. Sabbie bianche e mare color turchese: un'immagine meravigliosa.

Sei entrata in contatto con le persone dei vari paesi per via delle fotografie?

Sì. Chiedi alle persone se puoi fotografarle è già stai sostenendo una conversazione. Impari molto sul paese e sulle persone semplicemente parlando con loro.

Che tipo di fotocamera utilizzi durante i viaggi?

Uso diverse fotocamere. Possiedo una fotocamera reflex monobiettivo, una Canon EOS 70 D. Quando la luce è più debole o se mi occorre uno zoom grande, è perfetta. Uso l'iPhone per le istantanee che spesso invio direttamente tramite i canali dei social media. Inoltre, possiedo un GoPro per realizzare filmati.

Che cos'è maggiormente importante per te in una fotocamera da viaggio?

Mi piacciono le immagini di alta qualità e molta lunghezza focale, ma non amo troppo peso da trasportare. Perciò, la combinazione di fotocamera e obiettivo non deve essere troppo pesante. Poiché la mia fotocamera reflex monobiettivo è relativamente pesante, è importante per me tenere il peso dell'obiettivo assai leggero e comunque coprire la gamma di zoom più ampia possibile.

Quale obiettivo porti con te nei tuoi viaggi?

Utilizzo un Tamron 17-50 mm da molto tempo. Poi ho avuto il 16-300 mm di Tamron per la prima volta in Sud Africa. L'ho montato e non l'ho più smontato per l'intero viaggio.

Perché ti piace l'obiettivo?

Non sono esperta tecnicamente e sono stata consigliata. Ero principalmente interessata aIla telefoto. Mi è piaciuto immediatamente il 16-300 mm perché è così leggero e ha un telezoom così grande. Il fatto che copra così tanto nella gamma grandangolo lo rende il perfetto "obiettivo sempre montato" del viaggio. Inoltre, ha anche un auto focus molto affidabile e veloce. Questo obiettivo ha dimostrato il meglio di sé soprattutto con le foto degli animali, zebre, struzzi e pinguini. E ultima cosa non meno importante, il rapporto prezzo-prestazioni è molto buono.

Sull'autore: Anja Beckmann

Anja Beckmann ha fondato il blog di viaggio "Travel on Toast" nel 2012. Con la sua squadra di sette autori, vi ha pubblicato ben 378 articoli a tutt'oggi, principalmente sui viaggi a lunga distanza, destinazioni solari in Europa e viaggi in città. I temi centrali sono sole, spiagge, sport acquatici, avventure, città importanti, cibi straordinari e relax con benessere e yoga. Il suo sito web conta 20.000 lettori registrati al mese e 28.000 contatti di social media su tutti i canali. Nel 2015, il suo blog è stato premiato con il Blog Award dell'Associazione per il turismo spagnola.

More about the author:

Articolo simile